Andrea Cappannari – Episcopus

Recensione al sito web EpiscopusEpiscopus, di Andrea Cappannari

Nell’ambito dei siti web di nuova generazione, creati da un lavoro collaborativo di un gruppo rispetto allo sforzo di un singolo, segnalo il sito “Episcopus”.

Il sito nasce nel 2004 dalla fondazione di una società di carattere interdisciplinare composta da soggetti accademici e non con l’obbiettivo della ricerca e dello scambio di informazioni relative all’episcopato medievale e al clero secolare in fattispecie. Continue reading Andrea Cappannari – Episcopus

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

La scelta da non fare

eric_schmidtUn articolo uscito il 9 giugno 2014 su Key4biz riporta di una vivace reprimenda fatta da Eric Schmidt, presidente di Google, all’Italia, perché incapace di formare i giovani alle nuove tecnologie; ad essa il ministro Franceschini avrebbe così ribattuto: “ogni Paese ha la sua peculiarità, noi magari abbiamo giovani più competenti in storia medievale”.

Andando a leggere l’articolo si capisce meglio il contesto. Il botta e risposta è avvenuto in un confronto pubblico alla Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma. Da un lato il presidente di Google ha indicato nella mancata preparazione tecnologica una delle forti concause del 46% di disoccupazione giovanile che attualmente colpisce il nostro paese. Dario Franceschini, probabilmente infastidito dalla critica e contrario alla “globalizzazione” che – nel bene e nel male – ha portato la crescita esponenziale di Google, ha voluto sottolineare la nostra differenza culturale, in un modo che fa cadere le braccia dallo sconforto. Continue reading La scelta da non fare

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

I saperi minimi per lo storico digitale: quali?

Schermata 2014-03-29 alle 16.56.07La storia è una disciplina antica, che ha affinato scopi, metodi, strumenti e prodotti nel corso di secoli, da Tucidide a Jacques Le Goff, da Tito Livio a Carlo Ginzburg. Come tutte le scienze umane anche il mestiere di storico è in continua evoluzione e viene modificato dai mutamenti della società, dalla mentalità e dalla messa a punto di nuovi metodi di analisi. La domanda che oggi ci assilla è quanto l’irrompere del digitale nella pratica della ricerca e nella divulgazione stia mutando il modo in cui si fa storia, quali nuove opportunità abbia aperto e quali problemi abbia cominciato a presentare.
Se guardiamo alla maggior parte delle produzioni storiografiche degli studiosi di storia (e degli istituti/centri di ricerca a cui fanno capo), si deve riconoscere che l’arrivo del digitale ha portato sovente soltanto a una parziale digitalizzazione della tradizione: ossia si è continuato a pubblicare con le medesime modalità – in monografie, volumi miscellanei o riviste – che possono avere una versione digitale esclusiva o complementare. E-book e riviste elettroniche di storia sono sovente redatti e pubblicati con le medesime procedure dei libri e degli articoli cartacei e presentano l’unico – anche se non trascurabile – vantaggio di una maggiore facilità reperimento, che si coniuga alla possibilità di operare ricerche testuali interne più precise e quindi efficaci. Continue reading I saperi minimi per lo storico digitale: quali?

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Condividere conoscenza (storica) con Zotero

zoteroIn occasione di una lezione all’università ho cercato di introdurre gli studenti all’uso di Zotero, uno strumento potente per la creazione, l’organizzazione e la condivisione di un database bibliografico (in particolare nel campo delle scienze umane).

Ho quindi creato una versione italiana di una serie di slide in inglese disponibili in rete ed elaborate da Serge Noiret,  che potete sacricare su Slideshare o vedervi anche qui sotto:

Nel tradurre e sistemare le slides di Serge, ho meditato su quanto effettivamente questo software “cambia” modo di ricerca tradizionale degli storici (e degli umanisti) in genere.

Come accade per diverse innovazioni nel campo della Cultura Digitale, le novità riguardano sia l’efficacia che la metodologia della ricerca.

Elencare i benefici notevoli che si ottengono in termini di migliore efficacia della propria ricerca nel recupero, organizzazione del materiale e citazione bibliografica sarebbe lunghissimo e noioso. Chi interessato si guardi le slide: basti qui dire Zotero moltiplica per mille i benefici già offerti dai precedenti software per la gestione bibliografica come ProCite o EndNote, soprattutto per quel che riguarda il recupero di pdf e di citazioni bibliografiche dalla rete.

Qui mi interessa di più ragionare in termini di novità nella metodologia di ricerca:

  • una delle grandi forze di Zotero sta nella condivisione. Chi vuole può rendere pubblico il proprio database bibliografico (io stessa l’ho fatto come si può vedere nelle varie pagine dedicate alla bibliografia in questo blog) e le persone interessate alle sue tematiche possono “seguirne” gli aggiornamenti. Questa è un’opportunità di ricerca completamente inedita: scrutare negli strumenti di studio di un’altro studioso, percepirne modifiche, aggiornamenti, commenti, temi di raccolta… Chi degli studiosi medievisti del secolo scorso non avrebbe voluto dare un’occhiata alla schedatura bibliografica (con le relative note) che facevano Gioacchino Volpe, Giovanni Tabacco o Cinzio Violante? E a come questa cresceva e si modificava nel tempo?
  • Si può andare a scrutare non solo nelle bibliografie dei singoli studiosi, ma anche in quella dei tanti gruppi di ricerca che sono iscritti al servizio. Solo ieri, mostrando la funzionalità agli studenti, sono incappata in 4 o 5 gruppi che meritano un’occhiata più attenta, per vedere cosa hanno schedato. Anche questa è una novità di peso, non relegabile nell’angolino delle migliori “funzionalità”.
  • Si possono creare propri gruppi di lavoro, condividendo la ricerca di testi, immagini, video, pagine web con altre persone coinvolte temporaneamente in un’attività di ricerca (o nella didattica). Questo significa di fatto creare un vero “laboratorio” virtuale condiviso, in cui ognuno può portatre i propri apporti non solo in termini di “schede” ma anche con note, commenti, keywords.
  • Preziosa la funzione che consente di catturare, fermando nel tempo, le pagine web e, soprattutto, arricchirle di metadati. Finalmente uno strumento utile per chi ha compreso che il web di per sé è una fonte primaria per lo studio della storia. Nel mio caso non del Medioevo, ma ad esempio della Medievistica oppure della percezione del Medioevo tra il pubblico.

Ancora una volta uno strumento che è più di uno strumento, in quanto va a modificare una parte rilevante del lavoro dello storico.

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Cercando in dMGH

montumentagermaniaehistoricaIn questi giorni sto raccogliendo dati sui Saraceni di Frassineto. Sono ovviamente partita, come è doveroso fare, dalla bibliografia, in particolare dagli ultimi studi, come ad esempio:

  1. Bruce Scott G., ‘An abbot between two cultures: Maiolus of Cluny considers the Muslims of La Garde-Freinet’, Early Medieval Europe, 15 (2007), pp. 426–440.
  2. Philippe Sénac, ‘Farakhshinît y los pecios sarracenos de Provenza’, in ‘Farakhshinît y los pecios sarracenos de Provenza’, Monografías Conjunto Monumental de la Alcazaba. I. Al – mería, puerta del Mediterráneo (2007) pp. 117–133.
Esempio di ricerca in dMGH
Esempio di ricerca in dMGH

Poi però ho cominciato a raccogliere e verificare fonti primare per conto mio, partendo (as usual) dai Digital MGH e utilizzando la loro funzione ricerca. Mentre cercavo e schedavo, parte del cervello confrontava questo tipo di lavoro con quello che avrei fatto venti anni fa in biblioteca.

Similitudini: ancora l’indice dei volumi degli Monumenta Germaniae Historica sono un ausilio potente che semplifica la ricerca e normalmente equivale (se non in qualche caso supera) il motore di ricerca. Ad esempio nel III degli Scriptores, dove si trovano le fonti più rilevanti per la mia ricerca, l’indice non solo riporta le pagine dove trovo le diverse versioni scritte del toponimo “Frassineto”, ma indica nella voce “Saraceni” le diverse tipologie di Saraceni indicate nel testo, segnalando anche tutte le volte che i Saraceni menzionati sono “presumibilmente” quelli di Frassineto. Onore e gloria agli editori!

Differenze: a parte il fatto di condurre le mie ricerche standomene seduta a casa, in poltrona, davanti al fuocherello scoppiettante e con Maya addormentata sul divano… direi diverse cose:

  •  la possibilità di recuperare informazioni e bibliografie in tempo reale su quanto mi dicevano le fonti;
  • correlare immediatamente dati oscuri, verificare termini;
  • controllare tomi che una ricerca sul campo, dominata da una maggiore economicità del tempo, avrebbe probabilmente escluso (interessante ad esempio quanto scritto in una Vita di S. Simeone del X secolo scritta da un monaco di Reichenau).
  • Last but not least: schedare tutto digitalmente e in tempo reale su vari elementi del mio computer (grazie al servizio offerto da dMGH che consente di passare dalla versione immagine a quella testo, molto ben fatta) e poterli anche “mettere a disposizione”, nel senso che le schedature degli ultimi due giorni sono già pubblicate su questo sito!

In sostanza un vantaggio enorme in termini di funzionalità e di copertura/esaustività della ricerca; un evidente vantaggio nell’apertura della stessa a un ventaglio di fonti concretamente più ampio del solito.

Svantaggi evidenti non ne vedo, se non forse per un ricercatore inesperto, che non abbia mai “visto” concretamente come sono fatti gli MGH e che quindi potrebbe incontrare qualche difficoltà nella navigazione del sito e, di conseguenza, nella comprensione di quello che trova.

 

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search