M. Thaller – Le Humanities sono una specie minacciata?

aiucdPartecipando  al convegno AIUCCD2014 a Bologna ho assistito all’interessante keyspeech di Manfred Thaller sulle Digital Humanities. Qui trovate un mio riassunto in italiano.

Are the Humanities an endangered or dominant species in the digital ecosystem ?
Manfred Thaller all’AIUCD2014

L’ecosistema digitale accademico è popolato da diverse “specie digitali”; in questo ecosistema le Humanities (HU) devono costruire un’ambiente in cui l’acquisizione dei dati, la loro analisi e la conseguente pubblicazione è ben organizzata.

Da dove viene la minaccia:

Visione angloamericana

Crisi delle HU: in molte università sono stati chiusi diversi corsi di HU

Cita Blaine Greteman: It’s the end of humanities as we know it, and I feel fine.

It’s the End of the Humanities as We Know It

Le HU sono meglio considerate nei paesi dove sono percepite come un approccio intellettuale al problem solving, visione della Scienza / Wissenshaft che include sia HU sia le scienze dure. La credibilità delle HU sofre se queste insistono a sostenere di essere differenti.

Visione europea

Thaller fa una serie di esempi di ricerche pesantemente finanziate delle scienze dure che non hanno risultati pratici né immediati né prevedibili e indagano le leggi della naura (quindi – commento io – perché le HU non devono farlo?). Quali sono i loro scopi?

Dare all’umanità energia indefinita

Risolvere il nustero dell’universo e della materia

E creare spinoff (!)

Quali sono i propositi delle HU?

Visione anteriore al 1945 (1800-1945) : cosa c’è di nascosto che può svelarci la superiorità nazionale, lo “spirito” di un popolo.

Ma oggi quale è la promessa nascosta delle HU?

Una rivoluzione tecnologica (ad esempio l’invenzione della fotografia) non ha mai nel passato cambiato le HU in maniera fondamentale, tuttavia ha portato cambiamenti significativi. Forse però l’ultima rivoluzione tecnologica ha cambiato le HU in maniera molto rilevante perché le HU cambiano assieme alla società in cui vivono. Oggi le DH consentono di:

  • Vedere ciò che non può essere visto
  • Descrivere quello che non può essere descritto
  • Ricostruire i contesti
  • Comprendere le interazioni
  • Cercare quello che non è cercabile
  • Non siamo più legati solo a ciò che possiamo toccare fisicamente

Cosa sono le DH

Le diseguaglianze di Thaller:

  • un’infrastruttura digitale non è automaticamente un progetto di DH, MA abbiamo bisogno di infrastrutture;
  • un progetto di una biblioteca gital e non è automaticamente un progetto di DH: MA lo stesso Thaller è stato partecipe di decine di questi progetti dal 1996;
  • così come non lo è un progetto per la conservazione di prodotti digitali;
  • la linguistica computazione non è sempre DH

Le DH sono tutti i generi di ricerche entro le HU in cui l’informatica ha un peso rilevante, nel senso che non potremmo arrivare a certi risultati senza determinati strumenti o un livello di conoscenza verificabile Tutti gli usi di ICT nelle HU deriva dalla loro rispettabilità accademica de quindi dalle basi metodologiche.

Si chiede Thaller (citando la BBC): può il computer rimpiazzare lo storico? Can computers replace historians? bbc.com/news/technolog…

Il text mining ad esempio può recuperare tendenze basandosi su nuovi materiali e fare predizioni. Ma perché lo storico dovrebbe  percepire questa possibilità come una minaccia? Abbiamo bisogno di una branca delle HU che capisca chiaramente quale parte dell’analisi e del ragionamento può essere sostituita da algoritmi, in modo da potersi concentrare sul resto.

Le DH diventano dominanti solo se davvero influenzano lo sviluppo dell’ecosistema delle DH, in modo che altri possono trarre profitto dai benefici del loro lavoro. Saranno invece in pericolo nella misura in cui consumano soltanto quello che altri hanno costruito.

Le DH sono dominanti qundo:

  • concepiscono sé stesse come ricerca e non come conversazione/comunicazione;
  • lottano per definire la loro “visione”;
  • cambiano l’epistemologia delle HU;
  • guidano la tecnologia e non si fanno guidare.

 

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.