Repertorio degli archivi e delle fonti Lunigiana&Malaspina

Repertorio degli archivi e delle fonti per lo studio dei Malaspina e della Lunigiana

a cura di Enrica Salvatori, con la collaborazione di Alessio Zoppi

 Documenti che consentono il censimento degli edifici religiosi

  • Bolla di Eugenio III 1148 novembre 11
  • Bolla di Anastasio IV 1154 marzo 18
  • Bolla di Innocenzo III 1203 marzo 7
  • Bolla di Gregorio VIII 1187 dicembre 14 per il capitolo della Cattedrale di Luni
  • Colletta per la Crociata 1276
  • Decime bonifaciane del 1296-97; 1298-99, 1303
  • Estimo della Vicaria di Massa del 1398-99
  • Estimo della Chiesa di Luni-Sarzana del 1470-71

Archivio storico del Comune di Bagnone

Confini giurisdizionali, filza 307 conserva doc. dell’884 maggio 27

Archivio Notarile Comunale di Aulla

Conserva 1638 registri di atti dal 1456 al 1865. Per il suo contenuto si veda

  • [inventario] Gli archivi notarile e storico del comune di Aulla, inventario a cura di F. Bonatti, Aulla: Centro aullese di ricerche e studi lunigianesi, 1981, con contributo di G. Ricci e G. Smeriglia
  • F. Bonatti, L’archivio notarile comunale di Aulla, in “Giornale storico della Lunigiana”, n.s. XXII-XXIII (1971-1972), pp. 62-72
  • G. Pistarino, L’archivio notarile di Aulla, in “Giornale storico della Lunigiana”, n.s. VII (1956), pp. 107-111
  • G. Sforza , I più antichi protocolli dell’archivio notarile dell’Aulla, in “Giornale storico e letterario della Liguria”, IX (1907), pp. 334-340
  • F. Bonatti, La Lunigiana nel secolo XV attraverso i protocolli del notaio Baldassarre Nobili,  Pisa: Pacini, 1977, 3 voll.

Archivio Parrocchiale di Aulla

Registro di tutte le possessioni affitti, livelli e chiese dell’abbazia di S. Caprasio della Aulla, rinnovato d’ordine dell’ill.mo sig. abbate Tommaso Saoli l’anno 1649

Archivio di Stato di Firenze

 Archivio del Comune di Bagnone

Conservato nel Diplomatico, Deposito Malaspina, provenienza Bagnone, costituito da 6 pergamene databili tra il 1468 ed il 1513.

Per il regesto del fondo si veda:

  • N. Gallo, I regesti delle pergamene di S. Giovanni Battista di Fivizzano (1207-1720) e delle pergamene della Comunità di Bagnone (1468-1513), in “Cronaca e storia di Val di Magra”, XXI-XXIV (1992-1995), pp. 81-94.

Archivio di San Giovan Battista di Fivizzano

Contiene 77 pergamene dal 1207 al 1710.

Archivio del Comune di Pontremoli

Conservato nel Diplomatico, provenienza Pontremoli, contiene due pergamene del 1329 e del 1502.

Archivio Malaspina di Caniparola

Conservato nel Diplomatico, provenienza Massa città; contiene 1790 pergamene dall’anno 1094 a tutto il XVIII secolo (XI 1, XII 55, XIII 252); 239 tra registri, filze e fascicoli (1331-1858).

Delle carte anteriori al 1400 è conservato nell’archivio di Stato di Massa (ms 94) un sunto-repertorio risalente al 1760 ed edito dal Conti:

  • M. N. Conti, Le carte anteriori al 1400 nell’archivio malaspiniano di Caniparola nel repertorio del 1760, Associazione Manfredo Giuliani, Pontremoli 1987.
  • Sempre nell’archivio di Stato di Massa si trova anche un manoscritto di Carlo Frediani Spoglio del ricco Archivio di S. E. il Sig. Marchese Giuseppe Malaspina di Caniparola fatto dall’erudito massese Carlo Fediani nel giugno del 1832 e nellottobre 1845, ms 43, IX) compilato tra il 1832 ed il 1845 con la trascrizione di gran parte delle pergamene anteriori al 1400 dell’archivio di Caniparola.

Alcuni documenti sono stati editi anche dal Dorini in appendice alla sua monografia su Spinetta Malaspina:

  • U. Dorini, Un grande feudatario del trecento. Spinetta Malaspina, Firenze 1940.

 

Il cartario del monastero di S.Michele arcangelo di Monte dei Bianchi.
Si compone di 29 carte dalla fine dell’XI secolo (1094) al 1339.Si è conservato tra le pergamene dei marchesi Malaspina di Fosdinovo già esistenti a Caniparola; si conserva nel Diplomatico dell’Archivio di Stato di Firenze (ASFi) a cui furono date nel 1869 dal marchese Carlo Maurizio Malaspina. Benché fosse stato accomamdato al monastero di Canossa, quindi, i Bianchi di Erberia non rinunciarono al loro patronato su di esso, quindi il piccolo archivio passò ai Malaspina quando questi acquisirono i diritti sul loro patrimonio.
In ASFi sono nel Diplomatico, elencate nel libro indice intitolato Spogli Cento ad eccesione di due carte datate 1104 febbraio 1 e 1106 ottobre 26 in copia nel Gerini (Emanuele Gerini, ‘Codex documentorum illustrium ad historicae Lunexanae provinciae’, (1820), /, n. CCLXVII) e dal Muratori (Ludovico Antonio Muratori, Antiquitates Italicae medi aevii, (Mediolani, 1742 1738), V, pp. 477-480; copia fotografica presso la Biblioteca Civica della Spezia o presso il Mueo Civico; regseti pubblicati da Umberto Giampaoli [Umberto Giampaoli, ‘Il cartario del monastero di S. Michele Arcangelo del Monte de’ Bianchi’, Giornale Storico della Lunigiana, XIII (1923)] ed Emilio Cerulli *[ Emilio Cerulli, ‘Il regesto delle carte del monastero di S. Michele de’ Monti de’ Bianchi’, Giornale Storico della Lunigiana, n.s. V (1954), pp. 33–38]. Riedizione in tesi di laurea di Donatella Scaletti [Donatella Scaletti, ‘I possedimenti fondiari del Monastero di Monte dei Bianchi: il cartario del Monastero di Monte (1094-1339)’, (Università degli Studi,: Pisa, 1998 1997).]

Fondo Riformagioni Malaspina

Fondo di 51 pergamene, dal 1218 al 1703, conservate nel Diplomatico. Spoglio del diplomatico nella bobina n° 100

Per il loro regesto si veda:

  • G. Sforza, Regesto delle pergamene malaspiniane del Diplomatico fiorentino provenienti dalle Riformagioni (1218-1703), in “Giornale storico della Lunigiana”, XI (1920-21), pp. 118-133.

Alcuni documenti sono editi dal Dorini in appendice a:

  • Dorini U., Un grande feudatario del trecento. Spinetta Malaspina, Firenze 1940.

Archivio Mediceo Avanti il Principato

Comprende 165 pezzi dal 1337 al 1557 e contiene il carteggio universale della Signoria avanti il Principato (protocollo edito da M. Del Piazzo, Il protocollo del Carteggio della Signoria di Firenze 1459-1468, Quaderni della rassegna Archivi di Stato, n. 39, Roma 1969).

Manoscritti

  • Codex documentorum illustrium ad historicam veritatem Lunexane provincie dell’abate Emanuele Gerini (1838 circa). Collocazione: vol. 714 (contiene documenti dal 770 ai primi del XVIII secolo).

 

Archivio dell’Opera di S. Maria del Fiore di Firenze

Contiene innumerevoli documenti inerenti i rapporti tra l’Opera del Duomo fiorentino e la Lunigiana per quel che concerne specialmente l’accesso alle cave marmifere.

Archivio di Stato di Genova

Libri Iurium e Pergamene del Diplomatico

Gran parte del materiale è pubblicato o in corso di pubblicazione

  • D. Puncuh, A. Rovere (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, Introduzione, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1992
  • A. Rovere (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/1, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1992.
  • D. Puncuh (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/2, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1996.
  • D. Puncuh(a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/3, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1998.
  • S. Dellacasa (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/4, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1998.
  • E. Madia (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/5, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,1999.
  • M. Bibolini (a cura di), I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/6, Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali – Ufficio centrale per i beni archivistici,2000.
  • L. T. Belgrano and C. a. c. d. Imperiale di Sant’Angelo, Annali genovesi di Caffaro e de’ suoi continuatori, Roma,1890-1929.
  •  G. Gorrini, Documenti sulle relazioni tra Voghera e Genova (960-1325), in “Bollettino Storico Bibliografico Subalpino”, XLVIII (1908)

Notai

Lamberto de Sambuxeto, cart. 124 I, cc. 12, 90 (sui Fieschi)

Bono Giovanni di Biassa (1293-1303), cart. 145

Edizioni:

  • G. Bisi, Il cartulario del notaio Giovanni Bono da Biassa (1293-1304), Tesi di laurea, Genova: Università degli Studi, Facoltà di Lettere e Filosofia, 1964

LIBRI diversi

Inventarium mansionis Sancti Leonardi de Frigido, diocesis lunensis, ordinis hospitalis Sancti Ioannis Hyrosolimitani, de domibus et terris, possessionibus omnibus aliis, quas dicta mansio possidet in anno dicto (1333) copia del 26 marzo 1473 (Anche in ASTo e Bib. Est. Modena); Collocazione: ASGe Libri diversi 351B

Archivio Segreto, Paesi Diversi

Voce Lunigiana

Biblioteca Comunale di La Spezia

Archivio del Comune

  • Si veda E. Cerulli, Il regesto delle pergamene dell’Archivio storico comunale della Spezia (1051-1581), in “Giornale storico della Lunigiana”, VII (1956), I, I-II (1956), pp.25-35; II, III-IV (1956), pp. 89-91

Registri notarili

Il manuale di Parente del fu Stupio speziale da Sarzana (1293-94)

Manoscritti

  • BONAVENTURA DE ROSSI (MS V 64). Collectanea copiosissima di memorie e notizie istoriche con gran tempo e fatica aotenticamente dessonte per me Bonaventura de Rossi da moltissime Scritture, ed Istorie e da varj Archivj, e Librerie per seriamente descrivere tanto la città di Luni quanto di Sarzana, e di tutti i Luoghi e Terre principali di Lunigiana distinta in diversi Capitoli a benefizio della Patria e di tutta la Provincia, 1776.
  • Extimum bonorum, possessionum, rerum, bestiarum et massaritiarum, hominum et personarum totius Vicarie Massa Lunensis
  • Submissio terre Levanti Domino Castruccio et pacta et conventiones cum eo inita anno 1370

Archivio Arcivescovile e Capitolare di Lucca

Contiene una grande quantità di pergamene risalenti all’epoca longobarda ed inerenti l’antico comitato di Luni (si veda anche per P. Guidi., O. Parenti, Regesto del Capitolo di Lucca, in Regesta Chartarum Italiae, Roma 1910-1939; D. Barsocchini, Memorie e documenti per servire all’Istoria di Lucca, Lucca 1837/44).

Archivio di Stato di Massa

Si veda:

  • Regesto delle pergamene del regio archivio di Stato di Massa, a cura di E. Lasinio, Pistoia 1916

ARCHIVIO STORICO DEL COMUNE DI MASSA

La I serie contiene buste di varia provenienza con spogli, catasti e statuti lunigianesi dal XV secolo in avanti.

ARCHIVIO CAMERALE

Fondo Atti Camerali (1472-1860), comprende per lo più atti notarili

Fondo del Tribunale Camerale (1755-1816).

ARCHIVIO CECCOPIERI E LUCIANI

Comprende 8 buste ed 1 volume di documenti appartenuti ai conti Luciani imparentati coi Ceccopieri. Copre un arco di tempo tra il 1324 ed il 1775. Inventario del 1966.

ARCHIVIO FANTONI

Contiene 118 buste e 211 volumi databili tra il XVI secolo ed il 1915. L’inventario è del 1965.

AUDITORE GENERALE

Contiene 7 buste e 4 volumi dal 1560 al 1795.

Giudicature varie

Contiene tra buste, volumi e registri 2830 pezzi dal 1550 al 1860.

ARCHIVI DELLA GARFAGNANA

  • Commissario generale, poi Governatore Generale: 152 buste, 25 registri e 11 protocolli dal 1520 al 1841;
  • Giudicature varie della Garfagnana: 1090 pezzi tra buste, volumi e registri dal 1575 al 1860.

ARCHIVIO DEL COMUNE DI CARRARA

Comprende un arco cronologico dal XV secolo al 1923. I documenti sono ordinati in due parti, una contenente registri, l’altra carte sciolte. L’inventario per entrambe è del 1969.

ARCHIVIO DEL COMUNE DI FOSDINOVO

Contiene 114 pezzi tra buste e registri databili tra il 1336 ed il 1899. L’inventario è del 1938.

ARCHIVIO DEL COMUNE DI FIVIZZANO

Contiene 987 buste e 159 registri dal 1502 al 1859, con documenti in copia dal 1478. L’inventario è del 1934.

ARCHIVIO DI MONTIGNOSO

Contiene 5 volumi e 3 buste dal 1594 al 1849.

ARCHIVIO CYBO MALASPINA

Conserva 156 volumi e 290 buste e 57 registri dal 1490 al XVIII secolo con documenti in copia dal 962.

APPENDICE ALL’ARCHIVIO CYBO MALASPINA

Contiene 29 buste e 140 tra volumi e registri dal 1450 al 1850 con documenti in copia dal 1188.

ARCHIVIO MALASPINA DI FOSDINOVO

Conserva 9 buste, 4 volumi ed 1 registro che coprono un arco cronologico tra il 1334 ed il 1556. La parte più antica è costituita da privilegi vari, mentre la più recente è formata dalla raccolta della marchesa Ricciarda Malaspina che, grazie al suo matrimonio con Lorenzo Cybo, diede inizio alla dinastia dei Cybo Malaspina.

Alcuni documenti sono stati editi dal Dorini in appendice:

  • U. Dorini, Un grande feudatario del trecento. Spinetta Malaspina, Firenze 1940.

ARCHIVIO MALASPINA DI OLIVOLA

Comprende 8 buste, databili tra il 1352 ed il 1816, con rapporti tra tale ramo della famiglia Malaspina ed il ramo di Fosdinovo, accordi e trattati con la Repubblica di Genova, coi duchi di Massa ed altri.

CARTULARI NOTARILI

Edizione:

  • A. Zaccaro, Il cartulario di Benetto da Fosdinovo (1340-41), in “Giornale storico della Lunigiana”, XI (1960) XII (1961), pp.141-167 (XI) e 113-171 (XII).

Creato da Alberico I Cybo Malaspina comprende 2867 pezzi tra buste e volumi dal 1340 al 1871. L’inventario parziale risale al 1972.

FONDO DIPLOMATICO

Costituito da 952 pergamene di provenienze diverse, copre un arco temporale dal 1204 al 1777 (XIII: 11; XIV: 319; XV: 141; XVI: 176; XVII: 276; XVIII: 29).

CATASTI DELLA LUNIGIANA

Contiene 2527 pezzi tra buste e registri, nonché 65 mappe databili tra il 1510 ed il 1937. L’inventario è del 1966/68.

STATUTI

49 statuti databili dal XIV secolo al 1775, appartenenti alle seguenti località: Agnino, Aiola, Ameglia, Antona, Argigliano, Aulla, Bardine Superiore o Soprano (San Terenzo Bardine), Bibola, Calice, Canossa (presso Mulazzo), Carrara, Casciana, Casola, Cecina, Ceserano, Codiponte, Collecchia, Equi Terme, Fivizzano, Fosdinovo, Giovagallo, Gragnola, Luscignano, Lusuolo, Madrignano, Massa, Montedivalli, Monzone, Olivola, Ortonovo, Pallerone, Podenzana, Pontremoli, Prato d’Alebio (Alebbio), Regnano, Riccò, San Vitale, Sarzana, Sarzanello, Sercognano, Soliera, Suvero, Tresana, Ugliancaldo, Veppo, Vinca. L’inventario del fondo è del 1979.

Si veda in proposito il Corpus edito dal Conti:

  • Corpus statutorum lunigianensium, I (1140-1308), a cura di M.N. Conti , La Spezia: Accademia lunigianese di Scienze e Lettere G. Capellini, 1979
  • Corpus statutorum lunigianensium, II ( altri del sec. XIII e 1316-1370), a cura di M.N. Conti, La Spezia: Accademia lunigianese di Scienze e Lettere G. Capellini, 1985
  • Corpus statutorum lunigianensium, III (1372-1389), a cura di M.N. Conti, Villafranca: Associazione Manfredo Giuliani, 1988.

manoscritti

MS 1 G. B. Andriani, L’innesto coniugale per le nozze di Carlo Cybo con Teresa Pamphilia;

MS 15 E. Branchi, Illustrazione storica dei sigilli della Lunigiana;

MS 16 E. Branchi, Documenti concernenti la storia della Lunigiana marchionale raccolti e copiati nella regione stessa negli anni 1844 e sgg.;

MS 17 E. Branchi, Spogli del Codice diplomatico della Lunigiana di E. Gerini;

MS 18 E. Branchi, Spogli e appunti concernenti la Lunigiana estratti dall’archivio di stato di Firenze, vol. I;

MS 19 E. Branchi, Spogli e appunti concernenti la Lunigiana estratti dall’archivio di stato di Firenze,vol. II;

MS 20 E. Branchi, Spogli riguardanti la storia della Lunigiana marchionale fatti nella stessa provincia negli anni 1844/46;

MS 23 B. Campi, Memorie istoriche dell’antica città di Apua oggi Pontremoli;

MS 27 F. Compagni, Discorso sulle origini e le più antiche vicende di Massa;

MS 33 G. Francesco da Faie di Malgrate, Autobiografia;

MS 34 G. Francesco da Faie di Malgrate, Cronaca;

MS 39 G. Finali di Treschietto, Genealogia della famiglia Malaspina;

MS 43 IX trascrizione di gran parte delle pergamene anteriori al 1400 dell’archivio di Caniparola, compilato tra il 1832 ed il 1845

  • Spoglio del ricco Archivio di S. E. il Sig. Marchese Giuseppe Malaspina di Caniparola fatto dall’erudito massese Carlo Frediani nel giugno del 1832 e nell’ottobre 1845

MS 48 G. Giscardi, Albero genealogico della famiglia Cybo;

MS 50 I. Landinelli, Origine dell’antichissima città di Luni e sua distruzione, della città di Sarzana e di tutte le cose più notabili appartenenti alla detta città, a tutta la Provincia di Luni, alla Chiesa Lunense ed ai vescovi. Opera del reverendissimo signor canonico Ippolito Landinelli Patrizio sarzanese, diviso in due trattati;

MS 53 Legittimazione di Francesco Pallavicino fatta da alberico I principe di Massa (1599);

MS 55 Lettere autografe di scrittori e persone della Lunigiana, vol. I;

MS 56 Lettere autografe di scrittori e persone della Lunigiana, vol. II;

MS 65 Lettere di Alessandro Malaspina di Mulazzo;

MS 66 Lettere di Azzo Giacinto Malaspina di Mulazzo;

MS 71 Memoriale della terra di Pontremoli al Granduca di toscana (1651);

MS 73 Memorie e documenti riguardanti la famiglia Malaspina;

MS 75 Miscellanea di cose lunigianesi, vol. I;

MS 78 Miscellanea di cose lunigianesi, vol. II;

MS 79 Miscellanea di cose lunigianesi, vol. III;

MS 81 Miscellanea di cose patrie, vol. I;

MS 82 Miscellanea di cose patrie, vol. II;

MS 83 Miscellanea di cose patrie, vol. III;

MS 85 Miscellanea di cose patrie, vol. IV;

MS 94 repertorio delle pergamene Malaspina Caniparola del 1760; edito dal Conti:

  • M. N. Conti, Le carte anteriori al 1400 nellarchivio malaspiniano di Caniparola nel repertorio del 1760, Associazione Manfredo Giuliani, Pontremoli 1987.

MS 97 E. Rocca, Storie antiche di Massa e di Carrara raccolte da autori antichi;

MS 101 B. de’ Rossi, Supplemento per l’istoria della Lunigiana;

MS 103 Scritti autografi di illustri uomini della Lunigiana;

MS 106 R. Vaccà, Miscellanea storica massese;

MS 107 R. Vaccà, Spogli di archivi vari;

MS 121 F. Compagni, Descrizione di cose Patrie;

MS 122 Miscellanea lunigianese;

MS 139 Lettera del Cardinale Innocenzo Cybo al commissario di Massa (1541).

Fondo di storia locale della biblioteca dell’Archivio di Stato di Massa

Comprende innumerevoli volumi (molti dei quali rari), miscellanee e codici (es. il Codice diplomatico Longobardo, Napoli 1852), tutti riguardanti la storia Lunigianese premalaspiniana, malaspiniana e cybo-malaspiniana.

 

Sezione di Archivio di Stato di Pontremoli

ARCHIVIO DEL COMUNE DI PONTREMOLI

Contiene 1495 pezzi tra buste e registri databili tra il 1495 ed il 1879.

ARCHIVIO DEL COMMISSARIO POI VICARIATO

Contiene 5 volumi coprenti un arco di tempo tra il 1695 ed il 1794.

 

Archivio Storico della Pieve di San Vitale in Mirteto di Massa

Contiene documenti inerenti la vita e la storia (dal XV secolo in avanti) della parte del marchesato malaspiniano di Massa situata alla destra del fiume Frigido.

Archivio di Stato di Milano

  • Archivio Ducale Sforzesco. Potenze Estere, Lunigiana; Firenze, ff. 276-277, 297 e 311-312; Venezia, ff. 1061 e 1268.
  • Archivio Ducale Sforzesco. Potenze Sovrane, f. 1561, fasc. I.

Biblioteca Estense di Modena

Catasto omnium bonorum et possessionum, omnium mansionum, tam Militie Templi, quam sancti, Ioannis Ierosolimitani, totius province et prioratus Pisarum nec non omnium, hospitalium prefati prioratus vocato sive vulgariter dicto Martilogio (1333): il priorato dell’ordine Gerosolimitano in Pisa il 26 marzo del 1474 (1473) per mano dei notai pisani Andrea dal Campo e Carlo Corsi fece fare una copia autentica di questo inventario estraendola fedelmente dal Martirologio. È un quaderno in pergamena di 4 carte in 4° che si trova nella Biblioteca Estense di Modena tra le carte di Carlo Frediani, lasciate in legato con altri manoscritti dal marschese Giuseppe Campori. Copia del testo relativa a S. Venerio in ASTo (vedi)e in ASGe (vedi). Collocazione: Campori Appendice 1782 filza 198/2 cartella 9ª fasc. 1

Centro Studi Malaspiniani “Alessandro Malaspina” – Mulazzo

  • Archivio Domestico dei Malaspina di Mulazzo
  • Il Fondo Nilo Greco

Contiene una nutrita raccolta di alberi genealogici, riguardanti vari rami della famiglia

  • Il Fondo Manfredo Giuliani
  • Il Fondo Malaspina di Villafranca
  • I Fondi “Ala Ponzone” e “Ramón Ximénez”

Archivio di Stato di Piacenza

  • Spoglio generale degli indici e dei regesti
  • Fondo Ospizi Civili pergg. 27.151 (952-1599: secc. X 6, X1 1, XII 262, X111 6.399, XIV-XVI 20.483) e regg. 24 di tolari notarili (1237-1521: protocolli e car-1237-1309 10, 1303-1401 regg. regg. 11, 1406-1521 regg. 3). Elenco 1957 per le pergamene fino a tutto il sec. XIII e 1.575 regesti del 1974; per i registri inventario sommario 1962. Stante la concentrazione da cui, come si è visto, prese vita l’ospedale grande cui il fondo apparteneva, va da sé che la documentazione è delle provenienze più disparate; provenienze che non sono riflesse dall’attuale ordinamento cronologico, completo fino al 1299, Vi sono presenti atti di prestito con attori Malaspina.
  • E. Falcone and R. e. Peveri, Il Registrum Magnum del Comune di Piacenza, Milano, 1984-1986.

Archivio di Stato di Parma

  • Spoglio generale degli indici e dei regesti
  • C. Artocchini, La legislazione statutaria dei marchesi di Malaspina per i feudi dalla Val Trebbia: sec. 14.; Gli statuti di Cariseto, in “Archivio storico per le province parmensi”, s. 4ª, XV (1963),

Archivio Capitolare di Pisa

Registro di imbreviature del notaio Manfredino da Sarzana

Edizione

  • M.G. Selmi, Il registro di imbreviature del notaio Manfredino da Sarzana, anni 1285-86, conservato nell’archivio del Capitolo di Pisa, n. A-5, tesi di laurea, relatore Cinzio Violante, Pisa: Università degli Studi, Facoltà di Lettere e Filosofia, 1971

Archivio di Stato di Pisa

Cartario dell’abbazia di S. Salvatore di Linari, passato nel 1500 e rotti agli Agostiniani di Fivizzano (carte dal 1377 al 1589)

Archivio del Comune di Sarzana

Comprende 3 registri detti “nuovi” (1331 – 1708) ed il famoso Registrum Vetus del Comune di Sarzana, contenenti diritti e privilegi dell’omonimo comune (108 documenti dal 1153-54 al 1592; edizione G. Pistarino, Il Registrum Vetus del comune di Sarzana, Sarzana 1965). Oltre ai registri sono presenti innumerevoli atti notarili, statuti, decreti, deliberazioni, affari ecclesiastici e molto altro materiale databile dal XII secolo in avanti

Biblioteca “Niccolò V” del Seminario Vescovile di Sarzana

Archivio Capitolare di Sarzana

Codice Pelavicino. Contiene documenti dal X secolo circa al XIII secolo. Può esser diviso in quattro parti:

  • un indice del Liber iurium ed un inventario dell’archivio vescovile lunense
  • il Liber magister con l’indice dei beni e dei diritti della Chiesa di Luni
  • il Liber iurium contenente una copia di tutti i documenti ritenuti utili per attestare i diritti della Chiesa di Luni
  • una seconda redazione del Liber iurium

Databile verso la fine degli anni ottanta del XIII secolo (l’opera venne iniziata il 12 dicembre 1287), il codice venne redatto per volere del vescovo Enrico da Fucecchio (1273-1297). Una specie di continuazione del Pelavicino è ritenuto il registro di atti notarili relativi al vescovo Antonio da Camilla (1297-1307), di proprietà della famiglia Bononi.

Edizione:

  • M. Lupo Gentile, Il Regesto del Codice Pelavicino, in “Atti della Società ligure di storia patria”, XLIV (1912).

Correzioni:

  • U. Mazzini, Correzioni critiche di alcune date del Regesto del Codice Pelavicino, Genova 1914.

Archivi Capitolare e Comunale di Tortona

  • Spoglio generale degli indici e dei regesti
    • E. Cau, Un registro inedito del 1307 dell’archivio Capitolare di Tortona, s. l.,1967.
    • G. Bottazzi, Monumenti dell’Archivio Capitolare della Cattedrale di Tortona, Tortona,1837.
    • E. Gabotto, Il Chartarium Derthonense e altri documenti del Comune di Tortona (934-1346), Pinerolo,1909.
    • F. Gabotto, Per la storia di Tortona nella eta del Comune: introduzione sull’epoca anteriore, dissertazioni e documenti, Torino,1922.
    • R. A. Marini, I piu antichi documenti dell’archivio municipale di Tortona: 1170-133, Tortona, Artigianelli,1907.
    • F. Gabotto and V. Legé, Le carte dell’archivio capitolare di Tortona, Pinerolo,1905, 1907

Archivio di Stato di Torino

Inv. n. 45 – Lunigiana: P 289

n°12-14 documenti relativi alla dipendenza del marchesato di Marlgrate ad altri feudi Malaspina (1749.01.10)

S. Venerio del Tino

Mazzo 1 fascicolo 1, pergamene 1057-1103

Mazzo 1 fascicolo 2, pergamene XII-1196

Mazzo 1 fascicolo 3, ms cartaceo L’archivio delle scritture dell’antichissima abbazia di S. Venerio del Tiro dell’Ordine di S. Benedetto, esistente nel monastero di Nostra Signora delle Grazie nel Golfo della Spezia, posseduto da’ monaci Olivetani, professori della stessa regola di S. Benedetto, riconosciuto d’ordine pubblico dal notaro Nicolò Domenico Mutio, professore d’antichità, nelli mesi di settembre et ottobre del 1721

Mazzo 1 fascicolo 4, ms pergamenaceo. Trascrizione di documenti

Mazzo 2, pergamene 1200-1250

Mazzo 3, pergamene 1252-1299

Mazzo 4, pergamene 1300-1350

Inventarium mansionis Sancti Leonardi de Frigido, diocesis lunensis, ordinis hospitalis Sancti Ioannis Hyrosolimitani, de domibus et terris, possessionibus omnibus aliis, quas dicta mansio possidet in anno dicto (1333) copia del 26 marzo 1473 (Anche in ASGe e Bib. Est. Modena);

Mazzo 5, pergamene 1350-1400

Mazzo 6, pergamene 1400-1450

Edizione parziale del fondo

  • Le Carte del monastero del Tino (1050-1220), a cura di G. Falco, in Biblioteca del Bollettino Storico Bibliografico Subalpino”, XCI/1 (1916)
  • Le Carte del monastero del Tino (1220-1300), a cura di G. Falco, in “Biblioteca del Bollettino Storico Bibliografico Subalpino”, XCI/2 (1934)
  • Le Carte del monastero di S. Venerio del Tino relative alla Corsica (1080-1500), a cura di G. Pistarino, in “Biblioteca della Deputazione Subalpina di Storia Patria”, CLXX (1944)

 

 Biblioteca Reale di Torino

Sezione Manoscritti e rari.

Storia patria 220: codice membranaceo di 61 carte senza titolo: Liber Anniversariorum dei dei frati di S. Francesco in Castelletto a Genova. Ricordate le date di morte di Moruello Malaspina e suo figlio Lucchino (Giovagallo)

Edito da Promis, V. Il libro degli anniversari del convento di S. Francesco di Genova, in “ASLi” X/IV (1874): 385-453

 

Archivi Storici Bobbiensi (Piacenza)

 

Sotto questo nome sono stati concentrati nei locali dell’ex Seminario Vescovile a Bobbio gli archivi storici diocesani (capitolare e vescovile) con documentazione a partire dal sec. X. Vi sono stati inoltre concentrati tutti gli archivi parrocchiali a rischio, cioè quelli delle parrocchie soppresse o prive di titolare, insieme ad altri piccoli fondi come quello relativo al Santuario della Madonna del Penice. Negli Archivi Storici Bobbiensi si conservano anche due codici liturgici appartenenti all’Abbazia di San Colombano. Per utilità degli studiosi, tutto il fondo archivistico relativo all’Abbazia di San Colombano, ora conservato all’Archivio di Stato di Torino, è riprodotto in microfilm. Con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Piacenza sono iniziati dallo scorso mese di aprile i lavori di riordino ed inventariazione dell’Archivio Capitolare e di quello Vescovile.

 

 

Archivio di Simancas (Spagna)

fondo estados pequeÑos de italia

Comprende vari documenti (tra cui lettere e legati) dal XV secolo in avanti, inerenti i rapporti tra la corte spagnola ed i Cybo Malaspina.

 

Archivio della Sezione di San Pietroburgo dell’Istituto di Storia dell’Accademia di Russia

  • L. Katuskina, Liber contractuum notarii Antonii de Bonizis de Verucula Bosorum (1417 – 1425), Mosca 1965.

 

 

 

Enrica Salvatori

Nata a La Spezia il 18 dicembre 1963, dopo la maturità scientifica si è laureata in Storia Medievale. Ricercatrice in Storia Medievale presso il Dipartimento di Medievistica dell'Università di Pisa.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInGoogle PlusYouTube

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *